PRIMO LEVI


ANNE FRANK
27 GENNAIO 2019
 GIORNATA DELLA MEMORIA

27 Gennaio: una giorno qualunque. 27 Gennaio 1945: una data importante da non dimenticare. Ma chi dobbiamo ricordare? E perchè è tanto importante? Ebbene in questa giornata si ricordano tutte le vittime delle leggi razziali e della II° Guerra Mondiale, come gli ebrei, morti nei campi di concentramento, ma non solo loro: anche handicappati, soldati, uomini e donne di colore e omosessuali. Alcuni dei più conosciuti sono: Primo Levi,sopravvissuto ad Auschwitz, Anne Frank, autrice del famoso diario, Sergio de Simone, Andra e Tatiana Bucci, anche loro sopravvissute ad Auschwitz. E proprio per commemorare tutte le vittime, venerdì 25 Gennaio, gli alunni delle classi 5° delle scuole Ciliegi, Lenotti, Virgo Carmeli e Frattini si sono recate al Parco di Via Po', portando un'omaggio al monumento di Sergio de Simone,bambino di sette anni deportato e morto ad Aschwitz, posto sul retro del parco. Con loro vi erano gli Alpini, la Polizia e la nostra preside, che ha rivolto un discorso alle classi. E qui alla prima domanda abbaimo risposto, dicendo chi dovevamo ricordare. Ora manca il perchè ,la cosa più importante, e anche se la risposta è abbastanza elementare, ve la dirò, ma lo farò citando una frase che Anne scrive nel suo diario: "Ciò che è accaduto non si può cambiare, ma si può far in modo che più non accada". La ragione per cui ricordiamo queste persone è proprio questa! Non li dobbiamo dimenticare per far in modo che non accada più, perchè tutto ciò è ingiusto, scorretto, perchè non hanno permesso a ragazzi della nostra età ,e anche più piccoli, di avere un futuro. E volevo concludere questo articolcon una frase di Primo Levi :

ALCUNI ALUNNI DELLA SCUOLA CILIEGI


IL MONUMENTO DEDICATO A SERGIO DE SIMONE E A TUTTE LE ALTRE VITTIME PARCO DI VIA PO'

"L'Olocausto è una pagina del libro dell'umanità da cui non dovremo mai togliere il segnalibro della memoria."